Tirocinio

Regolamento per lo svolgimento del tirocinio

A partire dal 1° febbraio 2019, gli studenti iscritti al c.d.s. in “Viticoltura ed Enologia” potranno presentare domanda di tirocinio formativo-lavorativo aziendale da effettuarsi nel corso della vendemmia 2019 presso una delle aziende convenzionate con l’Università degli Studi di Pisa che abbiano espresso disponibilità ad accoglierli. Per inoltrare la domanda di tirocinio per la vendemmia 2019 lo studente dovrà compilare, in maniera più completa possibile, l’apposito modulo “scheda domanda tirocinio” che avrà ricevuto allegato ad una mail. In particolare, lo studente dovrà inserire nella domanda il nome del docente-tutore proposto, scelto tra quelli che insegnano nell’ambito del c.d.s. in v.e., dopo averne ricevuto la disponibilità. La domanda dovrà poi essere inviata per p.e. al tutor del c.d.s. all’indirizzo: sandro.silvestri@unipi.it
Il termine ultimo per la presentazione della domanda di tirocinio è GIOVEDI’ 28 FEBBRAIO 2019.

N.B.: Domande pervenute oltre questa data non verranno prese in considerazione.

Tirocinio facoltativo

Possono inoltrare la richiesta, per un TIROCINIO DI TIPO FACOLTATIVO, gli STUDENTI ISCRITTI al 2° ANNO che abbiano acquisito, al 28 febbraio 2019, almeno 40 CFU dei 180 complessivi previsti dal corso di studio, ed avere superato i seguenti esami del 1° anno: “MATEMATICA E STATISTICA”, “CHIMICA GENERALE ED INORGANICA”, “FISICA”.
Tirocinio obbligatorio
Possono inoltrare la richiesta, per un TIROCINIO DI TIPO OBBLIGATORIO, gli STUDENTI
ISCRITTI al 3° ANNO e gli STUDENTI ISCRITTI FUORI CORSO (che per motivi diversi avessero in precedenza rinunciato a svolgere una delle due tipologie di tirocinio), che abbiano maturato, al 28 febbraio 2019, almeno 90 cfu dei 180 complessivi previsti dal corso di laurea, avere superato tutti gli esami del 1° anno e l’esame di “Viticoltura Generale e Ampelografia” (*).

(*) Ai fini del calcolo del quoziente di merito, verranno assegnati 9 cfu a coloro che avranno superato, entro la data di scadenza indicata, entrambi i moduli dell’esame (viticoltura generale e ampelografia); 6 cfu a coloro che avranno superato solo il modulo di viticoltura generale (dati verificabili presso il titolare del corso, prof. Claudio D’Onofrio).

Gli studenti iscritti al 3° anno e fuori corso che per motivi diversi non avessero presentato la domanda di tirocinio negli a.a. precedenti, potranno, purché in possesso dei relativi requisiti, inoltrare la domanda.

Gli studenti, che pur avendo già svolto il tirocinio facoltativo e quello obbligatorio, potranno inoltrare, se lo desidereranno, domanda per un secondo tirocinio facoltativo. Queste domande si collocheranno in coda alla graduatoria di merito e la commissione tirocinio verificherà l’esistenza delle condizioni affinché tale richiesta possa concretizzarsi.

 

Definizione della graduatoria di merito

L’abbinamento studente-azienda si baserà su una graduatoria di merito (g.d.m.) dove lo studente posizionato più in alto avrà la precedenza di scelta dell’azienda rispetto agli altri. La g.d.m. verrà preparata in funzione del numero di cfu maturati dallo studente al 28.02.2019 e dell’anno di corso a cui è iscritto. Ad ogni studente verrà assegnato un quoziente di merito (q.d.m.) calcolato dividendo il n. di cfu ottenuti con il superamento degli esami che producono un voto numerico espresso in trentesimi, per l’anno di corso a cui è iscritto (2, 3). Per gli iscritti al 1° anno f.c. verrà adottato il denominatore 4, mentre per gli studenti iscritti dal 2° anno f.c. in poi, verrà adottato il denominatore 5. A parità di quoziente di merito verrà privilegiato il maggior n. totale di crediti acquisiti e in seconda battuta la maggiore votazione media degli esami sostenuti. Attenzione, i crediti ottenuti con:

– esami superati con un “giudizio” (es. lingua straniera)

– seminari di v.e.

– tirocinio aziendale

pur contribuendo al raggiungimento del valore minimo di cfu per poter accedere al t.f. (40 cfu), o al t.o. (90 cfu), rimangono esclusi dal calcolo del q.d.m.

IMPORTANTE: gli esami ed i relativi crediti verranno considerati ai fini del calcolo del q.d.m. solo se sarà stato rispettato il CRITERIO DI PROPEDEUTICITA’. Per questo vi rimando alla pag. web

dove si fa riferimento all’a.a. in cui si è immatricolato lo studente. Coloro che si sono immatricolati prima dell’a.a. 2017-18 (attuali 3° anno e fc) dovranno attenersi a quanto riportato nella seconda tabella (v. pag.2 del file), mentre coloro che si sono immatricolati nell’a.a. 2017-18 (2° anno) dovranno attenersi a quanto riportato nella prima tabella (v. pag.1 del file).

N.B.: Domande di tirocinio contenenti dichiarazioni mendaci saranno rigettate!

Entro il mese di marzo 2019 verrà resa pubblica la graduatoria di merito; gli interessati potranno comunicare, in tempi rapidi, eventuali errori ivi riportati in modo che si possa provvedere ad apportare le dovute correzioni.

Abbinamento studente-azienda

Entro il mese di maggio 2019 verrà organizzato un incontro tra gli studenti che hanno presentato domanda di tirocinio, i relativi docenti tutori e la commissione tirocinio: in tale contesto si realizzerà l’abbinamento studente-azienda che si baserà sulla g.d.m. e sulle aziende convenzionate che si saranno rese disponibili ad ospitare lo stagista.  Nell’assegnazione, nei limiti del possibile, compatibilmente con la g..d.m., la c.t. terrà in considerazione quanto indicato dagli studenti nella domanda e quanto richiesto dai referenti aziendali (es. studente automunito, studente non alla prima esperienza di vendemmia, ecc.).  In caso di contenziosi sarà comunque la g.d.m. a stabilire la priorità di scelta.
Vi informo che alcune aziende desiderano selezionare direttamente il tirocinante tramite colloquio, o dopo avere valutato il c.v.: in questo caso lo studente verrebbe assegnato all’azienda selezionatrice indipendentemente dalla posizione occupata nella g.d.m.

Ad un’azienda potrà essere assegnato uno, ed un solo, studente stagista iscritto al nostro c.d.s. A questa regola potranno fare eccezione alcune situazioni specifiche come ad esempio: studenti-lavoratori, studenti stranieri, studenti che frequentano l’azienda al fine di raccogliere dati scientifici per l’elaborato finale: questi ultimi (tesisti) nell’assegnazione dell’azienda, godranno di precedenza sugli altri indipendentemente dalla loro posizione occupata nella g.d.m.

La commissione tirocinio, qualora si rendesse necessario, si riserverà di valutare e decidere caso per caso.

Ruolo del docente tutore e progetto formativo

Sarà cura del docente convocare gli studenti di cui risulta essere il tutore, contattare le aziende loro assegnate e supportare il tutore aziendale nella compilazione del “progetto formativo” (p.f.).  Nel p.f., oltre ad inserire dati significativi di carattere amministrativo ed assicurativo, verranno evidenziati e descritti quelli che sono gli obiettivi del tirocinio. Il p.f., compilato in tutte le sue parti, e firmato (dal docente tutore, dal tutore aziendale e dallo studente) verrà poi caricato dal tutore aziendale nel portale telematico dell’Università di Pisa. Una copia cartacea del documento, completa di firme, dovrà essere consegnata in dipartimento per essere protocollata. Sarà cura del docente tutore verificare che lo stage si svolga correttamente e nel pieno rispetto di quanto stabilito nel progetto formativo, ed assistere il tirocinante qualora si verificassero problemi.

Documenti di fine tirocinio

Terminato il tirocinio, lo stagista dovrà compilare in tutte le sue parti, e firmare, il questionario “valutazione tirocinio-studente”, modulo che avrà ricevuto tramite mail.
Lo studente dovrà preparare una relazione tecnica del tirocinio: un documento di almeno 3 pagine dattiloscritte, dimensione carattere 12, salvate nel formato word o pdf, in cui  descriverà in maniera sintetica l’azienda dove ha effettuato il tirocinio e quello che produce, evidenziando le specificità organizzative e tecnologiche. Descriverà poi le mansioni svolte (in vigneto, in cantina, in laboratorio, altro).  Nella relazione lo studente potrà inserire, se lo riterrà opportuno, commenti, valutazioni e suggerimenti del caso.
Una copia della relazione andrà spedita per p.e. al docente tutore e al dott. Sandro Silvestri e, in via sperimentale, caricata sulla pagina e-learning dedicata al tirocinio.
Valutazione del tirocinio e del tirocinante da parte dell’azienda
Il tutore aziendale, od altra persona incaricata, dell’azienda ospitante, riceverà dallo studente tirocinante i moduli che gli competono:

– la “lettera monte-ore”, in cui verrà dichiarato il n. totale di ore effettuate dallo studente durante lo stage;

– la “valutazione tirocinio-azienda”, questionario di giudizio sull’operato dello studente.

Questi due documenti, compilati in tutte le parti e firmati, dovranno essere inviati per p.e. al tutor del c.d.s. all’indirizzo sandro.silvestri@unipi.it

I documenti di fine tirocinio dovranno essere inoltrati entro il 15.12.2019

Registrazione dei crediti maturati con l’attività di tirocinio aziendale

– studenti immatricolati a partire dall’a.a. 2015-16:  la registrazione dei crediti avverrà automaticamente;

– studenti immatricolati prima di tale a.a.: dovranno compilare un apposito modulo, reperibile on line, ed inviarlo al

prof. Mike Frank Quartacci, sarà il docente a convocare i richiedenti nei giorni ed orari da lui stabiliti.

 

Per qualsiasi eventuale chiarimento, o richiesta, gli interessati potranno contattare il tutor del c.d.s., dott. Sandro Silvestri.