Tirocinio (2021)

Tirocinio

 

Tirocinio durante l’emergenza sanitaria da Covid-19

Dal 1 gennaio 2015 le nuove convenzioni ed i progetti formativi devono essere proposti direttamente dalle Aziende, Enti, ecc attraverso il PORTALE dell’Università di Pisa.

Per ulteriori informazioni scrivere all’Ufficio Tirocini presso il DISAAA, email: tirocinio@agr.unipi.it (in caso di necessità è possibile prenotare un contatto telefonico)

 

Adempimenti STUDENTI per lo svolgimento di attività di tirocinio – procedura

I diversi corsi di studio attivati presso il Dipartimento prevedono lo svolgimento di un tirocinio pratico-applicativo (curriculare) presso aziende o istituzioni pubbliche o private. Nelle sezioni della guida relativa ai singoli corsi di studio sono reperibili informazioni più dettagliate. Per lo svolgimento del tirocinio, si deve fare riferimento ai Regolamenti e alla modulistica specifici dei singoli corsi di laurea presenti nelle pagine a loro dedicati e rivolgersi alle commissioni di tirocinio del proprio corso di studi

CdS Triennali

CdS Magistrali:

Per svolgere un tirocinio in presenza è necessaria la Formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

La formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (prevista dal Dlg. 81/2008) necessaria per l’inizio delle attività di tirocinio sarà erogata:

1) attraverso la frequenza di tre corsi sulla piattaforma e-learning della regione Toscana TRIO (istruzioni per accedere alla piattaforma TRIO), che rilascia al termine del corso e dopo aver superato i vari test un attestato di frequenza che dovrà essere allegato alla richiesta di autorizzazione alla frequenza dei laboratori o alla domanda di tirocinio:

  • Principi e legislazione in materia di sicurezza, corso di base, durata di circa 4 h, codice 5061-SCO-W;
  • La valutazione del rischio chimico, durata di circa 4 ore, codice 5584-SCO-W;
  • Lavorare in sicurezza nelle aziende agricole, durata di 3 h e mezzo, codice 5574-SCO-W.

Gli studenti devono sostenere almeno il corso di base mentre gli altri due saranno seguiti su indicazione dei docenti RAR/RAD ed eventualmente dei tutori di tirocinio.

Oppure

2) seguendo e superando l’esame di uno dei seguenti insegnamenti tenuti dal Prof. Luca Incrocci:

  • “CORSO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO” (cod. esame 1811Z da 1 CFU) per le lauree triennali, tenuto nel secondo semestre del 1°anno del corso di Laurea in Scienze Agrarie;
  • “SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO” (cod. esame 1712Z, da 3 CFU, lavoro guidato) per le lauree magistrali, tenuto nel primo semestre del 2° anno dei corsi di laurea magistrale PAGA e PROGEVUP.

Lo studente deve inviare la documentazione del tirocinio, compresa quella atta a comprovare la sua partecipazione ai corsi sulla sicurezza, alla commissione tirocini del proprio corso di studi in modo che la commissione potrà verificare ed autorizzare le attività.

 

Adempimenti COMMISSIONI DI TIROCINIO – procedura

La commissione tirocinio, una volta approvato il tirocinio, invierà il progetto formativo con le firme olografe del tutor aziendale, del tirocinante e quella digitale del tutor accademico e il resto della documentazione completa richiesta per ciascun tirocinio, all’Ufficio Tirocini del DISAAA almeno 5 giorni lavorativi prima della sua attivazione.

L’ufficio tirocini provvederà alla verifica della documentazione inviata e se la richiesta è completa e corretta, prenderà in carico la pratica con la successiva protocollazione ad attivazione del tirocinio.

Seguirà comunicazione dell’avvenuta attivazione per email agli interessati (comprese le commissioni tirocinio e i presidenti del corso di studi del tirocinante) con allegata una copia del progetto formativo.

 

Tipologie di tirocini

1)TIROCINI CURRICULARI A DISTANZA

Per i tirocini svolti a distanza lo studente non e’ obbligato ad acquisire la certificazione della formazione generale sulla sicurezza dei lavoratori

  1. A) Presso enti/imprese ospitanti esterne

NUOVA ATTIVAZIONE

Le Commissioni di tirocinio di corso di studio dovranno inviare la seguente documentazione completa alla mail tirocinio@agr.unipi.it

  • Progetto formativo, per le nuove attivazioni o un addendum per i tirocini sospesi.
  • Delibera del consiglio di corso di studi o il PU del Presidente del consiglio di corso di studi attestante che l’attività a distanza messa in atto, di qualsiasi natura esse sia, permette il raggiungimento degli obiettivi formativi e le finalità previsti per il tirocinio.

RIATTIVAZIONE TIROCINI SOSPESI

Le Commissioni di tirocinio di corso di studio dovranno inviare la seguente documentazione completa alla mail tirocinio@agr.unipi.it

  • Dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’art. 47 DPR n. 445/2000, attestante l’ammissione dello studente allo svolgimento a distanza delle attività oggetto del tirocinio, sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto ospitante.
  1. b) Presso l’Ateneo come ente ospitante

NUOVA ATTIVAZIONE

Le Commissioni di tirocinio di corso di studio dovranno inviare la seguente documentazione completa alla mail tirocinio@agr.unipi.it

  • Progetto formativo, per le nuove attivazioni, o un addendum per i tirocini sospesi.
  • Delibera del consiglio di corso di studi o il PU del Presidente del consiglio di corso di studi attestante che l’attività a distanza messa in atto, di qualsiasi natura esse sia, permette il raggiungimento degli obiettivi formativi e le finalità previsti per il tirocinio.

RIATTIVAZIONE TIROCINI SOSPESI

Le Commissioni di tirocinio di corso di studio dovranno inviare la seguente documentazione completa alla mail tirocinio@agr.unipi.it

Dichiarazione del Presidente del corso di studio interessato, sentito il Prorettore alla didattica, in cui si attesti la possibilità di svolgere a distanza il progetto formativo inviata per posta elettronica all’indirizzo tirocinio@agr.unipi.it

2) TIROCINI CURRICULARI ED EXTRA-CURRICULARI IN PRESENZA

  1. A) Presso enti/imprese ospitanti esterne

Le Commissioni di tirocinio di corso di studio dovranno inviare la seguente documentazione completa alla mail tirocinio@agr.unipi.it

  1. Progetto formativo, per le nuove attivazioni, o un addendum per i tirocini sospesi.
  2. Dichiarazione dell’ente ospitante sulle misure di sicurezza applicate al tirocinante
  3. Copia del Protocollo di prevenzione Covid-19 o delle Istruzioni operative di sicurezza dell’ente ospitante.
  4. Dichiarazione sottoscritta dal tutor accademico, o in mancanza dal Presidente del corso di studio di impossibilità al completo svolgimento a distanza del tirocinio
  5. Certificazione attestante l’assolvimento dell’obbligo della formazione generale sulla sicurezza dei lavoratori del tirocinante e RICHIESTA DALL’AZIENDA

 

  1. B) TIROCINI IN PRESENZA INTERNI AL DIPARTIMENTO

Le Commissioni di tirocinio di corso di studio dovranno inviare la seguente documentazione completa alla mail tirocinio@agr.unipi.it

  1. Il progetto formativo word completo delle firme deve essere compilato e deve contenere OBBLIGATORIAMENTE tutte le indicazioni richieste, firmato olograficamente dal tirocinante e dal RAR e DIGITALMENTE dal tutor proponente
  2. Dichiarazione sottoscritta dal tutor accademico, o in mancanza dal Presidente del corso di studio di impossibilità del completo svolgimento a distanza, il/la laboratorio/struttura cui è necessario accedere e il giorno di inizio e fine (prorogabile con nuova dichiarazione) dell’accesso.

N.B.: è possibile sostituire questa dichiarazione con la compilazione e la firma, da parte del tutor proponente, della sezione ad hoc del modello di tirocinio interno “DICHIARAZIONI DEL TUTOR PROPONENTE (PER I TIROCINI IN PRESENZA E MISTI)”

 

  1. Certificazione attestante l’assolvimento dell’obbligo della formazione generale sulla sicurezza dei lavoratori del tirocinante e/o altri certificati rilasciati per specifici corsi. In caso di frequenza di particolari strutture/laboratori, il RAR deciderà quali ulteriori corsi sulla sicurezza il tirocinante deve frequentare ed acquisire la certificazione che dovrà essere inviata come sopra.

 

  1. C) TIROCINI IN PRESENZA INTERNI A STRUTTURE UNIPI

 

Le COMMISSIONI DI TIROCINIO di corso di studio dovranno preventivamente contattare il referente del tirocinio della struttura Unipi ospitante ed inviargli la documentazione richiesta in termini di:

  • Dati per la predisposizione del progetto formativo
  • Eventuale dichiarazione(*) sottoscritta dal tutor accademico, o in mancanza dal Presidente del corso di studio di impossibilità del completo svolgimento a distanza, il/la laboratorio/struttura cui è necessario accedere e il giorno di inizio e fine (prorogabile con nuova dichiarazione) dell’accesso
  • Eventuale certificazione attestante l’assolvimento dell’obbligo della formazione generale sulla sicurezza dei lavoratori del tirocinante richiesta dalla struttura Unipi ospitante

(*) la dichiarazione allegata, se utilizzata per le richieste di tirocini interni al dipartimento, può essere opportunamente modificata nell’intestazione per adeguarla al caso specifico

3) RIATTIVAZIONE TIROCINI IN PRESENZA SOSPESI PER EMERGENZA COVID PRESSO AZIENDE ESTERNE

Per l’emergenza sanitaria e il conseguente lockdown dello scorso anno, alcuni tirocini sono iniziati e poi sono stati sospesi.

Per la ripresa in presenza del tirocinio, la commissione tirocini di corso di studio deve inviare alla email tirocinio@agr.unipi.it la documentazione richiesta nel caso di tirocini in presenza (presentazione di un “addendum”, della dichiarazione e del protocollo anti-Covid dell’ente)

 

 

Nuove convenzioni

I Tutori di Tirocinio, assieme al Tirocinante, promuovano l’attivazione di nuove convenzioni con aziende, enti pubblici, studi professionali ecc. (strutture ospitanti).

In questo caso la responsabilità di proporre la convenzione spetta alla struttura ospitante, che deve farlo utilizzando il Portale di Tirocinio di Ateneo  e seguendo le istruzioni destinate alle aziende per iscriversi al Portale e proporre la convenzione con il Dipartimento.

Adempimenti aziende

INSERIMENTO NEL PORTALE DEI TIROCINI

L’azienda deve accedere alla “SEZIONE RISERVATA ALLE AZIENDE/ENTI”, selezionare la voce: PROPOSTA DI CONVENZIONE CON UN DIPARTIMENTO DELL’UNIVERSITÀ PER TIROCINI CURRICULARI e inserire i dati che il form richiede per inscriversi sul Portale:

  • ragione sociale, codice fiscale, partita iva, tipologia, settore di attività, i dati del firmatario per l’azienda e suoi recapiti per eventuali comunicazioni
  • dovrà selezionare, da un menù a tendina, il dipartimento col quale vuole stipulare la convenzione

Le aziende che vogliono convenzionarsi con il dipartimento dovranno compilare obbligatoriamente NELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE i seguenti due campi:

1) “MOTIVAZIONI PER LA RICHIESTA DELLA CONVENZIONE”:

l’azienda dovrà inserire una breve presentazione della propria attività e i macro-argomenti dei tirocini proposti agli studenti: la presentazione verrà portata in visione ai membri del Consiglio di Dipartimento del DISAAA per l’approvazione della convenzione

  • ALTRE INDICAZIONI”:

l’azienda dovrà inserire il nominativo del docente del Dipartimento con cui ha avuto contatti (anche tramite il candidato tirocinante) che presenterà la convenzione stessa in Consiglio di Dipartimento

Verranno portate all’approvazione in Consiglio di Dipartimento SOLO le aziende che avranno compilato la scheda di presentazione con le indicazioni richieste sopra.

Al termine dell’operazione, con la conferma, si crea in automatico la proposta di convenzione che sarà valutata dal Corso di Studio (si prega di prendere visione delle pagine web dedicate al tirocinio di ogni corso di studio) e successivamente approvata dal Consiglio di Dipartimento del DISAAA.

L’azienda dovrà spedire al Dipartimento, solo dopo la formale approvazione della proposta di convenzione in consiglio del DISAAA, una copia della convenzione firmata con n. 1 marca da bollo da 16 euro (*) (Se l’azienda vuole ricevere per posta una copia originale della convenzione firmata, dovrà spedire al Dipartimento due copie cartacee della convenzione con n. 2 marche da bollo da 16 euro (*) . In caso sia inviata una sola copia cartacea della convenzione, l’Ufficio Tirocini provvederà ad inviare all’Azienda la convenzione firmata e repertoriata tramite pec) all’indirizzo del Dipartimento: Ufficio Tirocini – Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali via del Borghetto, 80 – 56124 Pisa.

Se invece l’azienda vorrà firmare digitalmente la convenzione, dovrà preventivamente comunicare all’Ufficio tirocini la scelta di questa modalità in quanto:

  1. dovrà essere modificato l’articolo sul bollo con la dicitura:
    “La presente convenzione viene redatta in un unico originale in formato digitale ed è soggetta all’imposta di bollo assolta in modo virtuale a carico del soggetto ospitante”.

Dovrà essere indicato nella convenzione il numero di autorizzazione rilasciato al soggetto ospitante dalla Agenzia delle Entrate (*) : il soggetto ospitante comunicherà all’indirizzo tirocinio@agr.unipi.it il numero dell’autorizzazione e l’ufficio tirocini provvederà ad inviare allo stesso la convenzione modificata in tale senso per la successiva firma digitale.

ovvero

  1. Il soggetto ospitante non in possesso del numero di autorizzazione rilasciato dalla Agenzia delle Entrate deve procedere al pagamento del bollo virtuale pari a 16 euro tramite modello F23 (*) .

In tal caso non verrà modificata la convenzione, ma copia del modello F23 dovrà essere inviato insieme alla Convenzione firmata digitalmente per pec, all’indirizzo: scienzeagrarie@pec.unipi.it

Solo dopo l’approvazione, la convenzione verrà attivata e saranno fornite alla struttura ospitante, tramite invio per pec, le credenziali per poter caricare sul Portale di Tirocinio di Ateneo il progetto formativo concordato con lo studente interessato ed il Tutore di Tirocinio.

Convenzioni già attivate

Lo studente verifica l’adeguatezza della propria scelta con il Tutore di Tirocinio e prende accordi con l’azienda/ente/studio professionale ecc. (chiamata in breve “struttura ospitante”) per lo svolgimento del tirocinio, che sia disponibile ad accoglierlo.

Se la struttura scelta è disponibile e risulta tra quelle già convenzionate, ma non è ancora presente nel portale di Ateneo per il tirocinio  lo studente deve informare il Tutore di tirocinio o la commissione tirocini che presenterà l’istanza all’Ufficio Tirocini (inserimento da parte dell’Azienda dei propri dati sul portale dei tirocini, approvazione in Consiglio di dipartimento della migrazione e successivamente attivazione della convenzione, così inserita e approvata, sul portale)

Una volta che l’azienda/ente/studio professionale ecc. è presente nel portale per il tirocinio, lo studente, insieme al Tutore della struttura ospitante e con l’accordo del Tutore di Tirocinio, devono compilare il Progetto Formativo tramite l’apposito portale di Ateneo  completo di tutte le informazioni richieste. E’ necessario presentare un Progetto Formativo per ogni periodo di tirocinio che lo studente intende svolgere in strutture diverse. Il Progetto Formativo deve essere firmato dal tutor del soggetto ospitante, dal tutor accademico e dallo stesso studente e inviato alla commissione tirocini del proprio corso di studi che è responsabile di controllarne l’adeguatezza e la correttezza della documentazione prodotta.

La commissione tirocinio, dopo l’approvazione, invierà all’Ufficio Tirocini del DISAAA (tirocinio@agr.unipi.it) la documentazione completa e la richiesta di attivazione sul portale come da procedura sopra riportata.

La validazione del Progetto Formativo deve seguire le indicazioni stabilite dai vari Corsi di Studio.

Modulistica di interesse per TUTTI i Corsi di Laurea

PER REGOLE SPECIFICHE E MODULISTICA UTILIZZATA, SI CONSIGLIA DI CONSULTARE LE PAGINE DEDICATE AL TIROCINIO DI OGNI CORSO DI STUDIO:

Tirocinio facoltativo presso il Centro di ricerche Agro-Ambientali “E. Avanzi” (CiRAA): https://avanzi.unipi.it/


(*) il Decreto legge 22 marzo 2021 n.41 convertito dalla legge 21 maggio 2021 n.69 (in SO nr.21 relativo alla GU 21.05.2021 n.120) ha previsto, limitatamente all’anno 2021, l’esenzione da imposta di bollo per le convenzioni relative allo svolgimento di tirocini di formazione e orientamento di cui all’articolo 18 della legge 24 giugno 1997 n.196, pertanto per le convenzioni stipulate nel corrente anno non sarà più necessario apporre la marca da bollo (o due marche da bollo) da 16 euro o il numero di autorizzazione rilasciato al soggetto ospitante dalla Agenzia delle Entrate o il pagamento del bollo virtuale tramite F23 nel caso di convenzioni firmate digitalmente.